Ci sono foto che ci rimangono dentro e ciclicamente tornano finché non hanno detto tutto quello che ci devono dire.
Ieri, per motivi noiosi ed inutili che non vi spiegherò, ho dovuto sistemare un vecchio hard disk ed assicurarmi che ciò che era al suo all’interno era già stato copiato in un posto sicuro.
Spulcia che ti rispulcia, mi sono imbattuta nella foto sopra che è stata scattata circa tre anni fa per un progetto che poi ho abbandonato causa “vita”.
La mente è volata immediatamente alle ultime foto “aspetta che provo a…” scattate durante una pausa lavorativa.

luceo non uro, blur, motion,

Direi che questo è un chiaro segno che l’argomento va preso più seriamente e sviluppato in modo degno.
Ci risentiamo a sperimentazioni concluse.

Posted by:Floriana

Sono un fotografa professionista e mi occupo di fotografia commerciale e di ritratto, nel tempo libero fotografo cose, sogni e desideri.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.