Sul perché “rovino” le fotografie

Ho sempre avuto una passione per le “cose vecchie”. Non so resistere a stoffe bucate, libri ingialliti, valigie di cartone, bottoni spaiati, chiavi arrugginite e naturalmente a vecchie fotografie. Trovo affascinante come il tempo, in alcuni casi, riesca a renderle migliori. Perciò un giorno mi sono detta: diventa il tempo. Ho preso alcuni dei miei scatti

Regali di compleanno

Tra i regali di compleanno quest’anno ho ricevuto un anello distanziale. Come mi hanno fatto da qualche altra parte non tutti sanno cosa sia. In pratica sono solo dei tubi di plastica che servono a distanziare l’obbiettivo dal sensore ed il motivo è ottenere un “finto” obiettivo macro. Perciò ho passato l’intero pomeriggio a esplorare ogni piccola cosa che

Luceo non uro

  Non aggiorno il blog da un tempo vergognosamente lungo e da quasi altrettanto tempo tenevo nascosto questo lavoro per diversi motivi. Ora può vedere la luce, ed eccolo qui. E’ una collaborazione su larga scala, almeno per me. Ilaria Iacoviello (Art Director) mi ha contattata e mi ha chiesto se mi andava di partecipare

Ritrovamenti

  Ci sono foto che ci rimangono dentro e ciclicamente tornano finché non hanno detto tutto quello che ci devono dire. Ieri, per motivi noiosi ed inutili che non vi spiegherò, ho dovuto sistemare un vecchio hard disk ed assicurarmi che ciò che era al suo all’interno era già stato copiato in un posto sicuro.

Io, il Cestino e meringhe da lanciare

Soffro perennemente del “blocco dello scrittore”. Non che io sia una scrittrice, ma capita a volte che devo consegnare un testo o scrivere la pagina del mio diario segreto e tutto quello che c’è nella mia testa è un piccolo colibrì che svolazza qua e là cercando fiori inesistenti. Quando succede, praticamente ogni volta, entro in